Riscossioni e pignoramenti: altro stop fino al 28 febbraio

Riscossioni e pignoramenti: altro stop fino al 28 febbraio

Ulteriore proroga dei termini in materia di riscossioni e pignoramenti. Il Governo torna sull’argomento con un nuovo Decreto

Il Consiglio dei Ministri ha approvato il 29 gennaio un nuovo decreto-legge recante disposizioni di proroga di termini in materia di accertamento, riscossioni, adempimenti e versamenti tributari, in conseguenza dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.


Ti potrebbe interessare: Beni impignorabili: ecco cosa non può essere pignorato (o quasi)

Nel dettaglio il testo prevede l’ulteriore differimento, dal 31 gennaio (Decreto Legge n. 3 del 15 gennaio 2021) al 28 febbraio 2021, dei termini previsti per la notifica degli atti di accertamento, di contestazione, di irrogazione delle sanzioni, di recupero dei crediti di imposta, di liquidazione e di rettifica e liquidazione, nonché degli altri atti tributari elencati dall’articolo 157 del decreto-legge 19 maggio 2020, n. 34.

PROMO PLAFOND RICARICABILE

CON L'ADESIONE HAI ACCESSO IMMEDIATO A TUTTI I PRODOTTI OTTENENDO FINO A 200€* IN OMAGGIO Ideale per le piccole e medie aziende, per gli studi legali e i liberi professionisti *il bonus si attiva automaticamente su RICARICHE di plafond superiori a 300€
Vai all'offerta
× hai bisogno di aiuto?